Quando l’abuso di retorica si trasforma nel contrario del suo intento e perde il controllo del significato che vuole enfatizzare.

226681_647574665286420_1618815370_n

Ciò che diciamo non sempre è chiaro e preciso. Spesso risulta ambiguo.

Il linguaggio ha una sua forza ma anche una sua debolezza. Le parole ingannano a seconda della cultura dell’ambiente del carattere e anche dell’intelligenza  che ci impregna. Quando si adopera una parola, questa significa solamente quello che ho scelto di farle significare. Il rapporto tra il significato della parola e il potere che si ha nell’attribuirle il significato, va oltre ogni legge di semantica.

Le parole  possono ingannare!

Le girandole retoriche sono la forza di questo inganno e non ci si accorge, immersi nella corrente dell’enfasi  di quelle sfumature sottili che ci permettono di cambiare il senso delle cose.  Il linguaggio è così creativo così denso, vario e forte da indirizzare le nostre azioni e i nostri pensieri.  C’è però la comunicazione, grazie a Dio che ci porta in salvo! Quell’insieme di emozioni e di relazioni primitive degli sguardi, delle espressioni, delle parole non dette, quel trasporto di informazioni selvaggio e meno raffinato del verbo!  Oggi, riferito al concetto di uguaglianza, tra alcuni partecipanti  attivisti e portavoce del movimento5stelle, che operano sull’orlo del movimento,  c’è l’inflazione dello slogan dell’unovaleuno  che accostato alla politica vorrebbe dire che le persone sono uguali  a prescindere da ogni considerazione di diversità, e possono esercitare paritariamente sul palcoscenico politico.

Sei un cittadino e vali uno, come tutti, non vali dunque ciò che dimostri di valere!!

Questa massificazione scatena tra persone diverse un rovinoso distacco perché è vero che siamo uguali come è vero che non lo siamo per niente!   Chi, fingendo di essere democratico, vuole condurre con la forza della sua decisione e del suo controllo,  tutti gli altri a compiere la stessa azione e a vedere le cose allo stesso modo, in realtà cospira per imporre il proprio dominio sull’altro. Un sottile complottismo contro chi è diverso e ha un’idea diversa.

Non credo che l’acuto Beppe Grillo e il movimento5stelle abbiano voluto intendere questo!  Interessante secondo me, che credo fermamente nell’uguaglianza tra gli uomini ma anche nella profonda diversità degli individui,  leggere questo articolo    Se la democrazia è gratis non vale nulla.

Ulla Passarelli

Gerardo De Martino,m5s Toscana

 

 

 

 

One Comment

  • 24 febbraio 2017

    Civil robustness reform campaigns in the 20th century were initiated viagra without a doctor prescription and run on elites more troubled with defending against attacks from involvement business groups than with understandable mobilization, and grassroots reformers in the labor, cordial rights, feminist, and AIDS activist movements have concentrated more on automatic and incremental changes than on transforming the vigour carefulness arrangement itself.

*