October 19, 2017

illusioni ottiche

E’ politica, bellezza!

C’è ancora chi si chiede cosa sia la politica? Pare di si.

Chissà quanti avranno detto a volte, nella propria vita: “a me non interessa la politica, cosa cambia a trattare di politica? …tanto le cose rimangono sempre le stesse!”

La politica è un concetto base della società e l’uomo, in quanto animale sociale ne è il protagonista indiscusso.

Non è possibile scovare un momento nella storia umana, che sia privo di un’organizzazione strutturale della sua società né tantomeno, un’assenza di discussione delle principali tematiche antropologiche: in generale tutte le attività ed i comportamenti di una società e nel particolare tutto il materiale culturale, artistico, religioso, scientifico e psico-morfologico proprio dell’attività umana.

Platone, filosofo greco ed uomo spinto da forti ideali, nella sua VII lettera, introduce una delle maggiori e più antiche testimonianze del senso intrinseco della politica: l’azione del cittadino informato, attivo, studioso dei comportamenti umani, a favore della costruzione di una società giusta ed orientata al bene.

Per poter far questo, Platone dovette studiare, trattare e praticare la politica, perché essa non è altro che l’arte di conciliare gli uomini su un progetto.

E’ chiaro che se il progetto abbia un’impronta positiva come negli ideali platonici, la politica assume un carattere positivo, utile e corretto che influisca quindi, positivamente sull’educazione dei cittadini, portando ad un’autopreservazione e ad un continuum di intenti nel tempo.

Di converso, se il fine è malevolo per la società, il primum movens scatenerà una catena di eventi politici ostili e dannosi per la stessa e anche in questo caso, sbagliando l’educazione di base, la politica insana tende inesorabilmente ad autonutrirsi in una sorta di ciclo vizioso.

La politica ora può essere suddivisa in tre grandi categorie:

1. Monarchia
2. Aristocrazia
3. Democrazia

Queste non assumono solo caratteri negativi.
I vari tempi storici hanno mostrato e testato tutte queste forme di Governo: abbiamo avuto ad esempio, monarchi ”illuminati” come dimostra l’amicizia tra Voltaire e Federico II di Prussia.
Ciascuna di esse tuttavia, ha conosciuto una degenerazione col tempo, portando alle tre forme di politica peggiori:

4. Tirannia
5. Oligarchia
6. Anarchia,ovvero la democrazia non retta da leggi

Nel nostro periodo storico si è arrivati ad una sapiente forma di democrazia, conquistata anche grazie allo studio degli eventi passati, la storia infatti è la madre della cultura e della vita.

E’ proprio la storia ad averci insegnato che il potere, sia esso nato anche da cause giuste, tende a degenerare gli animi ed i precetti della corretta politica e questo capita più frequentemente quando è concentrato in un’unica persona o in pochi, degenerando nella oligarchia o peggio nella tirannia,  mentre la democrazia può degenerare qualora venga meno il principio di alternanza della rappresentanza, subendo le stesse complicazioni delle prime due forme di governo o in caso di degenerazioni rivoluzionarie, portando ad una sua completa dissipazione e all’anarchia. 

Non ci resta che parlare di ciò che è più vicino a noi: la politica in una democrazia.

Per  Gandhi, ”in un paese democratico nessun fatto di vita si sottrae alla politca”.

E’ facile comprendere il pensiero gandhiano: in democrazia le regole della società sono controllate dal popolo stesso, ed ogni scelta effettuata dal singolo diventa una scelta politica con ripercussioni sull’intera maglia governativa.

Questo è anche il principio di un nuovo movimento che insidia la vecchia politica -finalmente!- con molto successo: il m5s!

La democrazia dunque, deve essere maggiormente diretta dal momento che l’intera popolazione ed il singolo cittadino, abbiano il diritto/dovere di partecipare alla discussione ed alla vita dello stato in cui  risiedono.

Questo è il punto fondamentale che si ricollega a quanto detto precedentemente: se l’educazione ed il fine politico siano stati orientati al bene, anche la vita del cittadino ne risentirà in positivo, perciò risulterà più difficile che tali discussioni e partecipazione sfocino nella degenerazione e nel conflitto di opinioni, che conducono direttamente verso una mancata coesione con conseguente dispersione di energie e demagogia, il tutto tradotto dai latini come divide et impera.

La politica poi,  è anche rappresentanza: occorre un Portavoce il quale incanali milioni di voci, facendo sì che nella democrazia -diretta come in quella del m5s-  vi sia un diretto e positivo contatto tra il cittadino ed i suoi Portavoce.

Ciòddetto, quando sentiremo dire che la politica sia una cosa estranea ai più, ricordiamoci le parole di Gandhi e riflettiamo.

Marco De Martino

www.gerardodemartinomovimento5stelle.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

l M5S!!

La Democrazia, ancora, dovrebbe essere maggiormente diretta, dal momento che l’intera popolazione ed il singolo cittadino debbano avere il diritto/dovere di partecipare alla discussione ed alla vita dello stato in cui risiede. Questo è un punto fondamentale, che si ricollega a quanto detto precedentemente: se l’educazione ed il fine politico sono stati orientati al bene. anche la vita del cittadino ne risente in positivo e risulterà più difficile che tale discussione e partecipazione sfocino nella degenerazione e nel conflitto di opinioni, che altro non portano ad una mancata coesione, dispersione di energie e demagogia, il tutto tradotto dai latini come divide et impera.

La politica è anche rappresentanza diretta, dal momento che occorre un portavoce che incanali milioni di voci, e nella democrazia diretta vi è un diretto e positivo contatto tra il cittadino ed i suoi portavoce.

Detto ciò… quando sentiremo dire che la politica sia una cosa estranea ai più, ricordiamoci le parole di Gandhi e riflettiamo!

Marco De Martino, figlio e medico

www.gerardodemartinomovimento5stelle.it

Comments are closed.